Lo sapevi che…


Lo sapevate che Afef è tunisina?

La famosa modella è nata infatti il 3 novembre 1963 a Medenine, in Tunisia.

Quarta di sei figli (ha 5 fratelli maschi), dotata di un carattere forte ed irruento, a soli quattordici anni per ripicca contro i genitori (madre di origine turca, padre tunisino) che non la lasciavano uscire la sera ha sposato il figlio dei suoi vicini di casa, un ragazzo di appena ventuno anni.

Successivamente ha avuto modo di studiare a Losanna e di trasferirsi a Parigi per vivere lavorando come modella. Entrata dunque nell’ambiente della moda viaggia molto visitando numerosi Paesi fino a quando approda in Italia, dove viene subito apprezzata da celebri stilisti.
All’inizio viene guardata con una certa curiosità dato che le sue origini musulmane mal si conciliano con la tradizione, il sistema e la cultura del fashion, benchè Afef abbia sempre condotto una vita assolutamente senza nulla concedere al glamour, all’insegna della riservatezza e della coerenza di stile.

Viene definitivamente lanciata da Jean-Paul Goude con il quale lavora per alcuni spot pubblicitari; in seguito lavora per mostri sacri italiani e francesi dell’haut-coutre come Armani, Gaultier, Chanel, Cavalli, Burani.

Nel 1998 si separa dal marito (Marco Squattriti, avvocato romano dal quale ha avuto un figlio) e, nello stesso anno, durante un’intervista registrata per la rubrica televisiva “Non solo moda” (di cui è stata poi conduttrice), conosce il manager Marco Tronchetti Provera, presidente di Pirelli e Telecom Italia, nonché vicepresidente e sponsor dell’Inter. Le cronache riportano di un colpo di fulmine fra i due. Tre anni dopo, dopo essere finita innumerevoli volte sui tabloid nazionali, la coppia si sposa: sono entrambi al terzo ‘sì’. Al matrimonio sono naturalmente presenti anche i tre figli di Tronchetti e il figlio di Afef.

Fra le varie esperienze televisive di Afef, molte svolte più che altro in qualità di ospite, da non dimenticare la conduzione nel 1999, a fianco di Fabrizio Frizzi, di “Scommettiamo che”, programma rivolto all’intrattenimento serale di casa Rai. Per integrare la sua presenza nel mondo della moda non solo in qualità di indossatrice ma anche di produttrice in prima persona, la modella tunisina ha lanciato una linea di costumi da bagno di cui è anche testimonial oltre che stilista.

E’ stata nominata dalla Croce Rossa Italiana Ambasciatrice per la Pace.

Collabora con l’associazione Telefono Azzurro.

E’ nel comitato della Fondazione Enfant en danger patrocinato dall’UNESCO.

.

Imprenditrice, mamma, compagna fedele, stilista e modella…dalla Tunisia all’Italia… Afef!!

 

 

 

 

 

Parte di testo e immagini provengono da STILE.it e biografieonline.it

da MEGAMODO.com

L’hanno conquistata i russi Andrey Ivanov e Alexsey Kuzmich, su Patrol GR del team Tecnosport, la vittoria assoluta di T2 (derivati di serie) al Rally di Tunisia, prima tappa di Coppa del Mondo Tout Terrain Fia 2008.

Team Nissan

La 27^ edizione del raid africano, che per la prima volta nella sua storia ha sconfinato in territorio libico dove si sono disputate 4 delle 9 tappe previste, ha consegnato il gradino più alto del podio di T2 all’equipaggio russo Ivanov/Kuzmich, in gara con i colori della squadra corse comasca.

“Una prima manche di mondiale con tappe tecniche e navigate, un percorso perfetto per il potente Patrol che ancora una volta ha dimostrato di essere affidabile e competitivo ai massimi livelli” – commenta soddisfatto Ivanov, autore di una prova regolare e ben amministrata. Il 4.8 di casa Tecnosport e’ stato fra i protagonisti assoluti della prova africana, accanto ai francesi Strugo e Rosso e al portoghese Oliveira, per poi passare al comando della classifica nelle ultime frazioni di gara e aggiudicarsi la vittoria assoluta tagliando il traguardo finale sulla spiaggia di Djerba. Ottimo risultato anche per i kazaki Artur Ardavichus e Denis Berezovskiy che sempre su Patrol GR di casa Nissan hanno conquistato il secondo posto di T2, consegnando così al team Tecnosport un altro prestigioso successo tra le vetture di serie. Se ad aggiudicarsi la vittoria del Rally di Tunisia e’ stato il francese Dominique Housieaux su Buggy Schlesser (seguito dai connazionali Vigouroux e Lavieille, su Chevrolet e Proto Dessoude), il team comasco ha fatto da padrone di casa sui percorsi tunisini e libici precedendo molti degli equipaggi favoriti oltre che tutti gli italiani in gara. Perfetto il debutto in terra africana del Pathfinder 4.0 V6 T1 di Maurizio Traglio e Marc Bartholome, classificati settimi assoluti, terzi tra i 4×4 motorizzazione a benzina (T1 1) e primi dei team italiani.

Team Nissan

L’ultimo nato nelle officine comasche della Tecnosport – con scocca in fibra di carbonio, telaio tubolare, cambio sequenziale a sei marce e iniezione elettronica multipoint da competizione -, progettato e costruito da tecnici ed ingegneri fra i più qualificati del settore off road, e’ sceso in pista in Tunisia per il debutto ufficiale nella Coppa del Mondo T1 che lo vedra’ impegnato per tutta la stagione 2008. L’8° posto della generale e’ andato al giapponese Kenjiro Shinozuka, navigato da Jean Paul Forthomme, sull’altro Pathfinder T1 della Tecnosport, che ha visto così tutti e quattro i suoi equipaggi tagliare il traguardo finale di questa 27^ edizione del Rally di Tunisia. ” Un ottimo risultato che speriamo di bissare nella prossima trasferta in Portogallo – commenta il team manager Daniele Canonico – forti anche della vittoria del russo Ivanov in T2. Intanto prosegue a pieno ritmo lo sviluppo dei due tubolari Pathfinder che in terra africana hanno dimostrato di essere estremamente performanti ed affidabili piazzandosi nei primi dieci della classifica”. Il prossimo appuntamento e’ ora in programma dal 20 al 25 maggio con il Rali Transiberico, seconda manche della Coppa del Mondo Fia 2008.

da STILE.it 

“Nel 1866 in Tunisia fu scoperta una vasta zona ricca di fosfato, tra il confine algerino e la città di Gafsa. Come piacevole ricordo dei primi anni di attività estrattiva è tornata agli antichi splendori la linea ferroviaria costruita nel 1905: chiamata Lezard Rouge, Lucertola Rossa, è lunga 42 chilometri e collega Metlaoui (città turistica) a Redeyef, il principale centro di estrazione, ed è diventata una vera e propria ferrovia turistica. Due sono le maggiori attrazioni: il panorama mozzafiato delle Selja, spettacolari gole che seguono il corso dell’omonimo torrente creando canyon e anfiteatri naturali, e il treno stesso. Il convoglio è formato da 6 lussuosi vagoni del 1910 restaurati, con poltrone ricamate, banconi in legno, vecchi specchi decorati e foto dell’epoca.”

Il prezzo per il passeggero è di 20 dinari, pari a 11,50 euro..per maggiori informazioni ecco il sito, in cui inoltre potrete vedere altre splendide foto.

COUS COUS PER TUTTI I GUSTI

Dal 23 al 28 settembre 2008 a San Vito Lo Capo (Sicilia) si compie un viaggio del gusto che si snoda, tra le strade ed i vicoli verdeggianti, alla scoperta del cous cous preparato secondo la versione locale, a base di pesce, o le più curiose e stuzzicanti varianti dei paesi esteri, tra cui Brasile, Costa D’avorio, Israele, Marocco, Palestina, Senegal e ovviamente, Tunisia.

La gara: cultura a confronto a tavola

Scrigno di suggestioni, kermesse multicolore, viaggio nel tempo e nelle tradizioni di popoli tanto diversi eppure così uguali. Quante definizioni per un evento unico. Un viaggio più che decennale, durante il quale a San Vito Lo Capo si è creato, edizione dopo edizione, uno spazio libero e felice dove gente di tutto il mondo s’ incontra, nel segno dell’armonia e della festa.

Nel segno del cous cous, il piatto della convivialità.

Sintesi gastronomica tra le diversità del mondo: islamici, ebrei, cristiani attingono da millenni al medesimo piatto, nato tra le montagne e le valli del Nordafrica e divenuto simbolo di pace.

Per quanto riguarda la Tunisia.. beh, ha vinto la gara per il miglior cous cous nel 1998, nel 2000 e nel 2004!!!

 Per maggiori informazioni vi rimando al sito dedicato all’avvenimento in cui troverete la descrizione completa di tutti gli eventi: dalle gare, all’Expo Village, ai concerti serali..di tutto di più!!

Questo l’articolo: La Tunisia ottiene il premio per il miglior stand alla fiera turistica in Cina.

Gli organizzatori della 15ma edizione della Fiera Tristica di Guangzhou in Cina hanno attribuito il premio per il miglior stand alla Tunisia il 9 aprile di quest’anno. La Tunisia ha partecipato per la prima volta con uno stand che per la sua originalità e la sua architettura tipicamente tunisina ha attirato numerosi visitatori. Attraverso questa fiera molte televisioni e siti web cinesi hanno conosciuto le dimensioni culturali e turistiche della Tunisia moderna.

Vai all’articolo completo (in francese!)

La MDS in numeri:

  • più di 800 partecipanti;
  • 400 gli organizzatori;
  • 100 fra camion e auto 4×4;
  • 4 dromedari;
  • 90 tende berbere per ospitare gli atleti;
  • 40 medici;
  • 125 litri di disinfettante;
  • 5300 pastiglie di antidolorifici;
  • 1 camion inceneritore dei rifiuti;
  • 100.000 litri e più di acqua in bottiglia;
  • 14km/h la velocità media;
  • 50° la temperatura massima diurna;
  • 10° la temperatura di notte.

 Impressionante!!!

Ecco un video sulla maratona 2008 vissuta da un equipe spagnola. Anche un equipe di italiani (per l’esattezza 42 i coraggiosi: 41uomini e 1donna) ha partecipato alla MDS sotto la guida di Paolo Zubani -sportivo milanese alla sua 20esima partecipazione- ma purtroppo ancora nessun reportage è disponibile!!

Pagina successiva »