Siccome l’Harissa è facile da preparare anche in casa, e, visto che secondo me merita un sacco, ecco la ricetta!!!!

Harissa 

Ingredienti:
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaio di semi di carvi
  • 1 cucchiaio di coriandolo in polvere
  • menta
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • 250gr di peperoncini rossi piccanti
  • sale
  • 1/2 cucchiaino di cumino
  • 1 limone

Preparazione:

Come prima cosa pulite bene i peperoncini, eliminando il picciolo ed i semi, aprendoli lateralmente.
Metteteli a bagno in un filo d’acqua fredda e il succo di mezzo limone, e lasciateli ammollo per circa 1 ora.
Trascorsa l’ora, scolate bene i peperoncini e lasciateli asciugare un po’. A questo punto non resta che pestare tutti gli ingredienti in un mortaio di marmo o in un mixer, aggiungendo l’olio a filo in quantità sufficiente per ottenere una pasta omogenea.
Pestate fino ad amalgamare il tutto e otterrete una crema densa. A questo punto aggiungete il succo di mezzo limone, usando l’accortezza di filtrarlo, e salate leggermente.
(la ricetta è presa da: cookaraund.com)
Annunci

Oggi mi sono accorta di una grandissima dimenticanza che ho fatto parlando di cucina tunisina.. Infatti non ho mai parlato dell’Harissa, la cosa più piccante e più buona che io abbia mai assaggiato in vita mia!!!

 L’harissa è un condimento, o meglio, una salsa tipica della cucina nordafricana ed in particolare di quella tunisina. Nei diversi paesi gli ingredienti secondari possono variare, ma i componenti fondamentali rimangono sempre peperoncino, aglio ed olio.

L’harissa piccante può essere usata in mille modi ed è sempre eccezionale!!! Eccone alcuni certificatamente sperimentati (da me;) )..

Schiacciata con la forchetta con un po’ di tonno diventa insuperabile e resa un po’ più liquida, sciogliendola nell’acqua di cottura della pasta, diventa un ottimo condimento per gli spaghetti! Spalmata su delle fettine di pane arrostito le trasforma in bruschette dal sapore hot.. Si può usuare per insaporire le uova, formaggi stagionati e verdure arrostite… insomma, l’inventiva culinaria qui aiuta molto!!!

In 2 parole…

Gnam Gnam!!!

E anche per quel che riguarda la pasticceria in generale, in Tunisia c’è una grande tradizione per i dolci.

Non sempre incontrano il gusto del nostro palato poiché la maggiorparte sono a base di mandorle, miele e datteri.

 

ASSIDA = tipico budino dolce a base di nocciole e pinoli tritati

 

 

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTA: in questo caso non mi sarà facile essere obiettiva… i dolci tunisini proprio non mi piacciono..non vado matta per il miele e odio i datteri! Ho provato (sotto costrizione 😉 ) l’assida che non sarebbe neanke troppo malvagio..ma si attacca tutto al palato!!! Il mio consiglio resta comunque quello di assaggiare tutto, perchè i gusti son gusti!!! 🙂

Gnam Gnam!!!

Chakchouka (in breve) = ratatouille con i ceci, i pomodori, i peperoni, l’aglio e le cipolle serviti con un uovo sopra.

 

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTA (io!!): potrei dire che il chakcouka assomiglia alla nostra peperonata ma molto più ricca di ingredienti!!

Gnam Gnam!!

 TAJINE (in breve) =  soufflè di verdure e uova, servite su una base di spinaci e formaggio oppure frittata con pollo, verdure e spezie locali. Ne esistono di diverse varietà, tutto dipende dal condimento scelto.

 

 

 

  

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTA: il tajine assomiglia molto ad una frittata molto saporita!! Come sempre da assaggiare!!

Gnam Gnam!!

Come iniziare, se non con il piatto tipico nazionale? laterale.jpg

Il cous cous è un piatto di origine berbera, conosciuto addirittura prima dell’arrivo delle popolazioni arabe.
Naturalmente, essendo un piatto base e di uso comune, esistono innumerevoli versioni regionali e familiari del couscous, ma la cottura avviene sempre a vapore sopra una speciale casseruola, la cuscussiera, contenente uno stufato o del brodo preparato con carne di agnello o di pollo, con diverse e variabili verdure ed immancabili spezie.

COUS COUS (in breve) = semolino particolare di grano servito con carne o pesce, ceci e verdure e ammorbidito con il brodo succolento formatosi con la cottura delle verdure.  

2341383569_0f384b6e44_m.jpg

 

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTA (che sarei io!!): il cous cous è una vera delizia!! Lo conosciamo bene anche qui in Italia (soprattutto nel Meridione, dove lo si cucina in un modo molto simile)..l’unica avvertenza che posso consigliare è quella di chiedere prima quanto piccante sia!!!

Gnam Gnam!!mangione.jpg